Siamo Elena (casalinga/ass. I+D) e Ugo (selvicoltore/artista scultore), genitori di Larissa e Giovanni. Il legame con Soglio, unito alla passione per gli edifici storici, ci ha spinto ad acquistare nel 2016 due vecchi immobili - appartenenti alla famiglia di Elena da diverse generazioni - e a valorizzarli rendendoli accessibili al pubblico. Il nostro scopo non è quello di creare un vero e proprio museo ma di dare un nuovo impulso e porre degli interrogativi sul futuro e sullo sviluppo - non solo estetico - del villaggio. Questi suggestivi spazi ci consentono di avvicinare l'indigeno e il turista al territorio e di scoprire la storia, la cultura e l’identità rurale  di Soglio. 

 

Dopo la conclusione nel 2017 dei principali lavori di ripristino, abbiamo indetto una giornata speciale di porte aperte. L'evento ha riscosso un ampio successo e ci ha incoraggiati a fondare una società semplice senza scopo di lucro che si prefigge i seguenti obiettivi:

 

  • apertura al pubblico degli edifici 
  • collaborazione con persone, enti e associazioni interessati alle nostre attività e ai nostri spazi
  • allestimento degli edifici tramite acquisizione di materiale informativo e audiovisivo
  • manifestazioni e esposizioni
  • valorizzazione e sviluppo sostenibile del villaggio di Soglio