Dietro l'apparerente e comune stalla si nascondono a pianoterra i resti di quella che un tempo era una fucina, di incerta datazione (attorno al 18. secolo). A destra dell'ingresso è evidente ancora la struttura con tanto di vasca in sasso per l'acqua posizionata sotto la grande finestra a due ante. La porta del locale come pure le travi della cappa sono ornate da timbri con iniziali dei vari abitanti e delle varie stirpi. Accanto alla struttura si trova ancora una sorta di braccio in legno per sorreggere grossi carichi. Alcune vecchie fascine sono state depositate nell'incavo per la legna. Il soffitto del locale leggermente annerito è - insolitamente per una stalla - a volta piana. Il locale è allestito con un vecchio telaio originale sicuramente utilizzato in loco, una grande caldaia e una mola per coltelli, scuri e altri utensili da lavoro.

La fucina è sicuramente caduta in disuso prima del 20. secolo. Gli abitanti del paese nati attorno agli anni '20 non ricordano la sua esistenza né il suo impiego. L'edificio è stato utilizzato per lungo tempo come pollaio e deposito. Forse proprio in questa fucina è stato costruito l'antico meccanismo dell'orologio del campanile di Soglio oggi esposto presso il museo Ciäsa Granda. 

Salendo la scala in sasso esterna, dove tra l'altro ci si può aggrappare a delle "claville" (appigli in legno conficcati nelle travi), si raggiunge dapprima il terrazzato in legno ristrutturato nel 2017- dove originariamente venivano accatastate le fascine - che conduce al fienile della fucina. A destra si trova una curiosa finestrella che fa presagire l'intenzione o la presenza in passato di una "cambrella", un piccolo dormitorio non a caso posizionato sopra il tepore del focolare a pian terreno. Oggi il fienile della fucina funge da spazio espositivo. Due grandi pannelli per le foto, una panca e un armadietto costituiscono l'allestimento, insieme ad alcuni oggetti di tradizione contadina. Probabilmente la funzione principale di questo locale era quella di deposito per la legna da ardere in fucina.